Loading

Lago di Garda, luogo di storia e di cultura

Il lago di Garda è un luogo ideale per una vacanza di relax, ma soprattutto nella stagione invernale si presta per visite culturali tra storia, arte e spiritualità. Con le sue tante bellezze naturali e i caratteristici borghi ricchi di storia, il Garda s’inserisce a tutti gli effetti tra le destinazioni turistiche più affascinanti e amate d’Italia.

Con le sue 25 località gardesane, cui s’aggiunge il territorio collinare dell’entroterra, il più grande lago d’Italia promette di non annoiare gli ospiti e offre molteplici spunti per visitare rocche, castelli, musei, chiese, pievi, ville, palazzi e centri storici. Il Garda è davvero il posto perfetto per rigenerare la mente e lo spirito. Soggiornando sul lago e godendo della sua vista, da qui potete partire per scoprire città importanti come Verona (30 km), Venezia (130 km) e Milano (100 km), e altre mete culturali e città d’arte per tornare in hotel, a fine giornata, e rilassarvi.
 

Cosa fare e da dove iniziare?

Il lago di Garda offre luoghi unici, meraviglioso connubio di storia e natura, come il Vittoriale degli Italiani e le testimonianze d’annunziane, la Fondazione Ugo da Como di Lonato e la rocca visconteo-veneta, le romane Grotte di Catullo a Sirmione, la villa Borghese-Cavazza in stile neo-gotico veneziano sull’Isola del Garda con i suoi splendidi giardini, i punti panoramici del castello di Malcesine, la Rocca di Lonato e quella sul promontorio di Manerba. Per darvi qualche dritta e aiutarvi a tracciare il vostro itinerario abbiamo riunito alcuni dei luoghi più suggestivi da visitare intorno al lago di Garda e ve li elenchiamo di seguito. Potrete così scegliere i punti di maggiore interesse, secondo la vostra sensibilità. Il “tour” parte dalla sponda veronese, ovviamente dalla cittadina di Garda, per continuare lungo la riviera bresciana e poi alla scoperta della parte trentina del lago, con i centri storici di Arco e Riva.

- Il Palazzo dei Capitani, Villa Alberini, Villa Canossa e il raccolto Eremo di San Giorgio sulla Rocca nel comune di Garda.

- Il Palazzo dei Capitani e le storiche chiese in centro a Malcesine, oltre al castello affacciato sul lago, erede di un antico maniero costruito dai Longobardi.

- Il Palazzo del Consiglio di Gardesana del XIV secolo, il Castello degli Scaligeri, sede del museo etnografico, la chiesa barocca di San Pietro e Paolo e la chiesetta della Santissima Trinità di Torri del Benaco. Sempre a Torri, la Grotta Tanella con le sue gallerie raggiunte dall’acqua, stalattiti e stalagmiti ai piedi del Monte Baldo e nelle vicinanze di Pai.

- La chiesa di San Severo a Bardolino, il Museo dell’Olio d’Oliva, che racconta una delle produzioni tipiche del lago, e la chiesa di Santa Maria a Cisano (frazione di Bardolino).

- La chiesetta della Madonna degli Angeli, Villa Cossali Sella, Torre Viscontea a Castelnuovo del Garda.

- Il Santuario della Madonna del Frassino a Peschiera del Garda, chiesa monumentale costruita laddove la Madonna apparve miracolosamente a un contadino tra i rami di un albero di frassino, l’11 maggio del 1510.

- Le suggestive Grotte di Catullo costruite in epoca romana sulla punta delle penisola, il castello scaligero, la chiesa di Santa Maria Maggiore, la chiesa romanica di San Pietro in Mavino e il museo archeologico di Sirmione.

- Il castello medievale, la villa romana, il museo archeologico e la torre risorgimentale di San Martino della Battaglia a Desenzano del Garda.

- La Cittadella e la Rocca visconteo-veneta di Lonato del Garda, con la Casa museo del senatore Ugo Da Como (1869-1941) e una raccolta di oltre 50mila volumi, tra cui anche gli incunaboli e uno dei libri più piccoli del mondo.

- Villa Barbieri e la rocca medievale di Padenghe sul Garda.

- Le rovine della Rocca di Manerba, il museo archeologico con l’ampio parco naturale (uno dei punti panoramici più belli di tutto il lago) e l’antica pieve di Manerba.

- La chiesa parrocchiale barocca, le rovine del castello di San Felice del Benaco, il Santuario della Madonna del Carmine e l’edificio Monte di Pietà.

- L’Isola del Garda (in origine un monastero longobardo) con la villa in stile neo-gotico veneziano, oggi di proprietà della famiglia Cavazza, e l’ampio parco con giardini all’italiana e all’inglese.

- Il duomo di Santa Maria Annunziata, il Palazzo del Podestà e Museo di Storia, Arte e Scienze (MuSa) a Salò.

- Il Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera, un imponente complesso di edifici, vie, piazze, un teatro all’aperto, giardini e corsi d’acqua eretto tra il 1921 e il 1938 dal poeta vate Gabriele d’Annunzio su progetto dell’architetto Giancarlo Maroni. Sempre a Gardone, il Giardino Botanico Fondazione André Heller, con oltre tremila piante.

- Le chiese parrocchiali di San Pietro e San Paolo a Toscolano, il Santuario della Madonna del Benaco e il Palazzo Nuovo a Maderno.

- Il chiostro della chiesa di San Francesco, la torre della campana della chiesa di San Martino e Villa Feltrinelli, nel comune di Gargnano, uno dei borghi più caratteristici del lago, anche per il suo grazioso porticciolo. - Il Santuario della Madonna di Montecastello a Tignale, santuario del XIII secolo completamente arroccato su una rupe.

- La chiesa di San Giovanni Battista a Pieve, la chiesa di San Bartolomeo a Vesio e la Cappella Antoniana a Usteccio nel territorio di Tremosine, uno dei più estesi e verdi comuni del lago.

- L’antica chiesa di San Rocco, risalente al XVI secolo, e la chiesa di San Benedetto a Limone, di cui merita una visita anche il nuovo percorso ciclopedonale costruito a strapiombo sul lago.

- Il Giardino botanico “Arboretum” di Arco di Trento con circa 150 differenti tipi di piante, tra cui anche i grandi alberi mammut e la famosa “Grotta di Patone”.

- A Riva del Garda, la Piazza III Novembre con i suoi antichi palazzi, la Rocca, le chiese e il Bastione, uno dei simboli storici della città trentina.